Assicurazione droni SAPR

Ultima novità di assicurazione droni dichiarata da ENAC. Il ricorso alle nuove tecnologie è sempre più diffuso ma proprio per questo è difficile stare dietro alle regole che ne stabiliscono l’utilizzo. I droni UAV in particolare, vengono utilizzati sempre più spesso per poter raggiungere luoghi impossibili da esplorare per gli uomini: grazie agli aeromobili a pilotaggio remoto, possono essere osservate le macerie di un edificio colpito da un terremoto, strutture architettonichei, così come possono essere fatte riprese video spettacolari.
Il loro utilizzo, quindi è tra i più vari, ma per l’utilizzo privato l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha stabilito delle regole ben precise, così come ha stato stabilito che è necessario stipulare una polizza assicurativa.

Obbligatorietà per assicurazione droni SAPR

Chi utilizza un drone per fini professionali è obbligato a stipulare un’assicurazione per responsabilità civile verso terzi, nel caso di danneggiamento verso terzi. A stabilirne le regole e ad introdurre l’obbligatorietà è stato il Regolamento Enac sui droni approvato con delibera 42/2013 ma modificato con la delibera 23/2016 e con l’emendamento del 21 dicembre 2015.

Il testo infatti specifica che “non è consentito condurre operazioni con un Sapr se non è stata stipulata un’assicurazione concernente la responsabilità verso terzi, adeguata allo scopo e non inferiore ai massimali minimi di cui alla tabella dell’articolo 7 del Regolamento (CE) 785/2004”.

Chi utilizza un drone esclusivamente per hobby non è tenuto a stipulare una assicurazione, anche se è consigliabile farlo per evitare spiacevoli sorprese.

Quale assicurazione droni

Chi utilizza un drone per scopi hobbistici non è obbligato a stipulare una polizza, anche se è fortemente consigliato a farlo per evitare brutte situazioni.

In questi casi si fa in genere una polizza collettiva per uso ricreazionale sportivo per droni multirotori che hanno cifre annuali molto basse (30-40 euro al massimo).

In genere la polizza copre un solo drone di peso inferiore a due chili con una franchigia minima (250 euro, dipende dalle compagnie e dalle convenzioni) fino ad un massimale di un milione (anche qui dipende dai casi). Generalmente la polizza non copre mai droni autocostruiti o assemblati.

Vuoi certificare il drone in tuo possesso?

DroneBase mette a disposizione il servizio di consulenza e certificazione droni avvalendosi di consulenti specializzati ed organizazioni di consulenza riconosciute Enac.  Servizio di certificazione Enac

E’ possibile utilizzare servizi online per il calcolo delle polizze assicurative per droni come Mio Assicuratore il quale permette un rapido calcolo del preventivo per la tua polizza

Assicurazione droni obligatoria

Per qualsiasi tipo di lavoro, invece, fatto con qualsiasi tipo di drone, l’assicurazione è obbligatoria e deve essere specifica, sia per il tipo di drone che per il tipo di professione. Esistono in questo caso Polizze specifiche a seconda del tipo di drone, come ad esempio:

Per quelli sotto i due chili, che generalmente copre le attività sperimentali, operazioni specializzate ma non critiche, operazioni miste, operazioni indoor.

Per i droni sopra i due chili, per i quali in genere le compagnie fanno preventivi personalizzati.

Per i droni che hanno un peso superiore ai 25 chili, poi, l’iter per ottenere la patente e il contratto dell’assicurazione è decisamente molto più articolato, dal momento che sono considerati mezzi industriali e professionali. Per quanto riguarda i droni che pesano meno di tre etti, è possibile avere delle agevolazioni, visto il rischio decisamente limitato.

Quali coperture di assicurazione droni

Tendenzialmente una polizza drone copre riprese di natura fotografica, cinematografica, televisive e termografiche, rilevamenti di natura ottica e termica, valutazione delle infrastrutture, pattugliamento, osservazioni ambientali, controllo tecnico di edifici ed immobili attraverso infrarossi.

Situazioni critiche e non critiche

Prima di stipulare una qualsiasi polizza è bene sapere che c’è una differenza tra situazioni critiche e non critiche.
Le situazioni non critiche sono quelle in cui l’utilizzo del drone viene fatto senza alcun rischio per le persone presenti ed in genere l’aeromobile in questi casi non supera i 500 metri di raggio per 150 metri di altezza.
Le situazioni critiche sono quelle in cui il drone viene utilizzato in piazze, stadi, concerti, raduni e luoghi affollati in genere. Situazioni nelle quali, in pratica, rischia di arrecare danni alle persone presenti.



Assicurazione per droni SAPR ultima modifica: 28 Gennaio 2016 pubblicato da Fabio De Matteis