UNA DELLE NOVITA’ DEL NUOVO REGOLAMENTO ENAC DEL 16 LUGLIO 2015

Obbligatori i giubbetti per pilotare droni professionaliRegolamento ENAC per pilotare droni SAPR

Tra le tante novità della seconda edizione del Regolamento ENAC sui Sistemi SAPR. Dal 30 aprile entra in vigore il regolamento dell’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) sugli APR a controllo remoto. L’articolo 8 (Requisiti generali per l’impiego dei SAPR  con peso al decollo inferiore a 25 kg introduce l’obbligo di giubbetti per pilotare droni UAV. Il pilota di un drone professionale deve essere visibile e ben identificabile a distanza. Ai fini del presente regolamento è obbligatorio l’uso di giubbetti ad alta visibilità recanti l’identificativo “pilota di SAPR o APR”.

Se si tratta  di un tema su cui era necessaria una regolamentazione con lamentele sia da parte del settore dei media che da quello dei produttori (in Italia si contano ormai circa 300 aziende legate al questo settore).

Altri condizioni ENAC per pilotare droni SAPR

Esistono oggi due macro categorie di droni per utilizzo professionale: inferiori ai 25 kg e superiori ai 25kg.

Per pilotare droni oltre i 25 kg è necessario essere abilitati con un permesso di volo o un certificato di navigabilità rilasciato dall’ENAC. Esistono due tipi di attività inquadrate nel regolamento sui droni Sarp: Operazioni Critiche: quelle che prevedono il sorvolo di aree congestionate, assembramenti di persone, agglomerati urbani, autostrade, impianti industriali, stazioni e linee ferroviarie. Operazioni non  Critiche: tutte le altre

Per pilotare droni professionali  bisogna avere almeno 18 anni

Tutti i droni devono avere: targhetta di identificazione, manuale di volo, assicurazione RC sulla responsabilità verso terzi. Per pilotare i droni (ad esempio per riprese video aeree) in quasi tutte le zone, chge non siano deserte o di cambagna, senza abitazioni, persone o animali, serve una autorizzazione dell’ENAC. Anche in caso di riprese in proprietà private, se ci sono altre persone oltre il pilota, va richiesta autorizzazione all’ENAC relativa al modello di macchina utilizzata e alle attività che si intendono svolgere.

Infine, il Comma 18 dell’Articolo 8 riporta: “L’ENAC può prevedere procedure semplificate per i SAPR  con massa massima al decollo minore o uguale a 2 kg”. Proprio qui sta il punto fondamentale: il regolamento riguarda soprattutto i droni utilizzati per scopi professionali, ad esempio rilevamento ambientale, monitoraggio cantieri, sopralluoghi tecnici e fotogiornalismo.

Questi giubbotti non sono altro che i giubbotti ad alta visibilità come quelli obbligatori nelle auto per soste di emergenza.